Tacchini

Tacchino romagnolo   Originario della Romagna, è un tacchino di piccola mole, gran pascolatore, rustico e resistente al freddo e alle malattie. In passato a causa della pelle gialla e delle ridotte dimensioni era snobbato nei mercati locali ,ma non all’estero dove le sue carni erano molto apprezzate, in particolare in Francia ,in Italia lo si allevava principalmente per il forte istinto materno delle tacchine. Caratteristiche del Romangolo sono il colore della pelle, che va dal giallastro al paglierino, la taglia ridotta, e le remiganti primarie che non risultano mai barrate ma sempre a tinta unita o con disegno orlato variopinto. Come per il pollo Romangolo, anche nel tacchino romangolo le colorazioni non vengono selezionate singolarmente quindi esemplari di varie livree vengono allevati in promiscuità. Entrambi i sessi raggiungono la maturità sessuale a 7 mesi; le femmine depongono uova dal colore colore marroncino tendente al rosa con puntini scuri, il cui periodo di incubazione è 28 giorni. Allo stato attuale il suo allevamento e la sua conservazione sono a tutela principalmente di allevatori amatoriali e di associazioni, in particolare l’A.R.V.A.R. che da anni si impegna nella tutela e nel recupero della razza.- maschio adulto 5-6 kg –  femmina adulta 3-4 kg (allevatore Davide Montanari)